UFFICIO VERTENZE – LEGALE

L’Ufficio Vertenze, convenzionato con studi legali e Avvocati specializzati in diritto del lavoro, garantisce assistenza in materia contrattuale e tecnico-legale, promuovendo azioni giudiziarie davanti la competente magistratura.

L’Ufficio Vertenze CISAL Umbria si occupa delle principali problematiche sorte durante lo svolgimento o la cessazione del rapporto di lavoro, di qualsiasi realtà lavorativa del settore privato.

In particolare l’UFFICIO VERTENZE CISAL su delega scritta dell’associato:
• Procede alla verifica della correttezza degli emolumenti corrisposti in busta paga (stipendi, 13^, 14^, straordinario, ferie, permessi, malattia, maternità, infortunio, TFR, ecc.)
• Contrasta il lavoro non regolarizzato, c.d. lavoro nero, tramite vertenze individuali di lavoro al fine di riconoscere: la natura del rapporto di lavoro; le eventuali differenze retributive sul lavoro ordinario e straordinario, sulla retribuzione diretta e differita; il versamento dei contributi e/o il risarcimento del relativo danno.
• Verifica l’inquadramento contrattuale/legale del lavoratore nel corretto livello previsto dal CCNL di Settore, al fine di poter impugnare gli eventuali demansionamenti o dequalificazioni professionali per assegnare la giusta mansione/livello al lavoratore e richiedere il relativo risarcimento del danno.
• Studia la tipologia contrattuale assegnata al lavoratore per stilare una anamnesi della vertenza per il recupero sia delle eventuali differenze economiche sia dei risarcimenti dei danni. Si potrebbero riscontrare: false collaborazioni occasionali o a progetto o programma; falsi apprendistati; simulazioni di rapporti in associazione e partecipazione o simulazioni di rapporti societari con soci di cooperative; simulazione del contratto a tempo parziale, illegittimità dell’orario di lavoro svolto;  illegittime assunzioni a tempo determinato, delle proroghe o della simulazione del rapporto a tempo indeterminato;

• Procede all’impugnazione di: provvedimenti disciplinari (scaturiti da contestazioni pretestuose o infondate, oppure sproporzionate rispetto all’infrazione contestata);  licenziamenti (qualunque sia la loro natura – disciplinare, giusta causa, giustificato motivo, ecc. – al fine di verificare la correttezza e la fondatezza dell’operato del datore di lavoro, in virtù del principio della tutela del posto di lavoro); omissioni contributive (recupero dei versamenti dei contributi pensionistici, pagamento dei danni derivanti dall’impossibilità di versare i contributi INPS); mobbing (verifica delle condizioni di lavoro dell’associato al fine di tutelarlo dalle discriminazioni e pressioni psico/fisiche che un mobbing verticale o orizzontale potrebbe generare, e all’occasione proporre causa per ottenere la cessazione del mobbing e il giusto risarcimento dei danni); riconoscimento della natura subordinata del rapporto di lavoro

Chiunque può accedere ai servizi dell’Ufficio Vertenze tramite l’adesione al Sindacato.
Per i controlli che genereranno una vertenza economica, alla fine del contenzioso sarà richiesto un contributo di assistenza sindacale, in percentuale fissa, da calcolare sul netto dell’importo recuperato.

Scrivici a: vertenze@cisalumbria.org